I tarocchi per te

Archivio aforismi

Se pensi che tutto il mondo sia sbagliato, ricordati che contiene esseri come te"

"Un uomo non è che il prodotto dei suoi pensieri:
ciò che pensa egli diventa."

Il ramo troppo duro al vento si spezza; quello troppo flessibile non starà mai ritto."
Io conosco un pianeta su cui c'è un signore cremisi. Non ha mai respirato un fiore. Non ha mai guardato una stella. Non ha mai voluto bene a nessuno. Non fa altro che addizioni. E tutto il giorno ripete come te: "Io sono un uomo serio! Io sono un uomo serio!" e si gonfia di orgoglio. Ma non è un uomo, è un fungo!"
La nostra paura più profonda non è quella di essere inadeguati. La nostra paura più grande è il fatto che noi siamo potenti al di là di ogni misura. È la nostra luce, non il nostro buio che ci spaventa. Ci chiediamo: “chi sono io per essere brillante, magnifico, pieno di talento e favoloso?” In realtà dovremmo chiederci: “chi sono io per non esserlo?“
Tu sei un figlio di Dio. Sminuirti non serve al mondo. Non c’è niente di illuminante nel farsi piccolo in modo che gli altri intorno a te non si sentano insicuri. Siamo tutti destinati a splendere come fanno i bambini. Siamo nati per manifestare lo splendore di Dio che è in noi: non solo in alcuni di noi, è in ognuno di noi.
E quando permettiamo alla nostra luce di risplendere, diamo agli altri, inconsciamente, il permesso di fare la stessa cosa.
Quando ci liberiamo dalle nostre paure, la nostra presenza automaticamente libera gli altri.
Nelson Mandela
La mente rivolta all'interno è il Sé, rivolta all'esterno diventa l'ego e il mondo. La mente non esiste separatamente dal Sé, cioè non ha un'esistenza indipendente. Il Sé esiste senza la mente, mai la mente senza il Sé.

Lo spirito in ognuno di noi si manifesta negli occhi, 
nell'espressione e in tutti i movimenti e i gesti del corpo.
Il nostro aspetto, le nostre parole, le nostre azioni
non sono mai più grandi di noi stessi.
Giacché è l'anima la nostra dimora, gli occhi ne sono le finestre
e le parole i messaggeri.
È mondanità quando si abbandona il mondo,
ma interiormente si è parte di quel mondo di invidia, cupidigia, paura;
si accetta l’autorità e la divisione fra colui che sa e colui che non sa".
Colui che conosce gli altri è sapiente;
colui che conosce se stesso è illuminato.
Colui che vince un altro è potente;
colui che vince se stesso è superiore".
Fiducia non vuol dire che tutto sarà come vuoi tu, ma che tutto è già come deve essere”.

 

 
"La verità era uno specchio che cadendo dal cielo si ruppe.
Ciascuno ne prese un pezzo e vedendo riflessa in esso la propria immagine,
credette di possedere l'intera verità."

1  
2  
3